Help

VideoTutorial - English sub Ita

 

 

L'interfaccia utente consiste di due principali sezioni:

1.    Sezione 1: un pannello di controllo posto sulla sinistra (riquadro blu in Fig.1) per la configurazione dei parametri di input.

2.    Sezione 2: una mappa al centro (riquadro grigio in Fig.1) dove sono mostrati i dati previzionali (in questo caso le correnti) e gli output.

 

Il pannello di controllo

 


 

Prima di lanciarebuna simulazione, l'utente deve impostare alcuni parametri nella sezione INPUT DELLA SUMULAZIONE:

 

GENERALE (riquadro blu in Fig.2)

  • Nome della simulazione: nome per identificare la simulazione da lanciare (facoltativo);
  • Classe dell'oggetto: Classe dell'oggetto alla deriva. Se la classe dell'oggetto non corrisponde a nessuna data categoria, scegliere un oggetto con caratteristiche di deriva simili. 

 

Ultima posizione nota (riquadro verde in Fig.2)

L'ultima posizione nota (Last Known Position - LKP) e' definita come l'ultima posizione in cui l'oggetto o la persona da cercare e' stata avvista per l'ultima volta, o dove presumibilmente era situata al momento dell'incidente. LKP puo' essere specificato in due modi:

1. cliccando direttamente sulla mappa l'ultimo punto di avvistamento (Fig. 3);

2. inserendo le coordinate Lat/Lon nei corrispondenti campi di testo (Fig.3)

Quando si inseriscono manualmente le coordinate di Lat/Lon, il loro formato puo' essere scelto tramite il selettore Formato delle coordinate (vedi cerchio rosso in Fig.4). I formati possibili per le coordinate sono:

o   DD (gradi decimali)

o   DMS (gradi-minuti-secondi)

o   DMM (gradi-minuti decimali)

 

 

·       Raggio: raggio di incertezza della LKP. (vedi rettangolo rosso in Fig.4)

·       Posizione iniziale del rilascio dei drifter: data e ora in cui la persona o l'oggetto e' stato avvistato per l'ultima volta.

 

DURATA DELLA SIMULAZIONE (riquadro arancione in Fig.2)

Un'altro parametro da impostare, è la durata della simulazione, la quale indica il tempo in cui la persona o l' oggetto alla deriva è disperso in mare, a parire dal tempo presumibile in cui se ne sono perse le tracce. Tipicamente, questo dovrebbe essere impostato nel periodo che la persona o oggetto disperse sono disperse prima che abbiano inizio le operazioni di soccorso.

 

SISTEMA DI PREVISIONI (riquadro porpora Fig2)

 Le simulazioni prevedono un forecast di 5 giorni.

·       Sistema di previsioni oceanografiche à MFS My Ocean: la versione attuale del sistema impiega dati di previsioni orari MyOcean con una risoluzione spaziale di circa 6.25 km con passo orario. Il dominio spaziale e' l'intero Mar Mediterraneo (30°N-45°N, 6°W-36°E).

·       Profondita' delle correnti: profondita' massima delle correnti marine nei dati di previsione usati per il calcolo delle derive;

·       Sistema di previsione atmosferico ECMWF: previsione del vento a 10 m sopra il lovello del mare prodotto dal sistema ECMWF con una risoluzione temporale di 3 ore per i primi due giornie mezzo di previsione e di 6 ore per i restanti due giorni e mezzo.

 

AVVIA LA SIMULAZIONE (cerchio rosso in Fig.2)

Dopo che tutti i parametri sono stati impostati dall'utente, la simulazione puo' essere avviata cliccando sul pulsante AVVIA. Apparira' una barra di avanzamento, che indichera' il tempo trascorso e quello restante.

Le simulazioni possono essere annullate prima del completamento cliccando sul pulsante STOP SIMULATION

Al termine della simulazione l'output e' automaticamente mostrato sulla mappa (Fig.5).

 

Cliccando sui singoli drifter, e' possibile vedere la loro longituide e latitudine in un tooltip (vedi Fig.5). Il significato dei simboli usati sulla mappa (cerchi, line, poligoni, …), e' illustrato nella legenda posta in alto a destra sulla mappa.

 

DISPLAY (riquadro giallo in Fig.2)

·       Campi ambientali - Correnti marine superficiali Spuntare la casella per visualizzare i campi ambientali sulla mappa.

·       Righello - miglia nautiche/chilometri: Spuntare la casella per mostrare un righello per misurare la distanza tra due punti sulla mappa (vedi Fig.6). La distanza puo' esserre espressa sia in miglia nautiche che in kilometri (vedi cerchio rosso in Fig.6).

 

 

SIMULAZIONI CALCOLATE (riquadro giallo Fig2)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella sezione Simulazioni calcolate, e' presente un registro di simulazioni calcolate nel passato.

Per ogni simulazione sono visualizzate le seguenti informazioni:

  • Data di richiesta: data e ora della sottomissione della simulazione;
  • Tempo di calcolo: tempo trascorso tra la sottomissione della simulazione e la visualizzazione dei risultati;
  • Durata effettiva della simulazione: durata della simulazione selezionata tramite la barra di scorrimento nella sezione "DURATA DELLA SIMULAZIONE".
  • Stato: stato della simulazione lansciata (SUCCESS o FAILURE)

Cliccando sull'"occhio blu", puoò essere visualizzata sulla mappa una simulazione salvata nello storico.

Dopo che l'utente lancia una simulazione, viene visualizzata una barra di avanzamento sia nella finestra di dialogo al centro della mappa sia nella sezione Simulazioni calcolate (vedi Fig.8)

 

 

Una simulazione lanciata, puo' essere annullata cliccando sull'icona "cestino" posto sulla destra della finestra di dialogo.